PROVA INTERNAZIONALE
“TRIANGOLARE ITALIA - AUSTRIA - SLOVENIA”

bandiera_ita bandiera_aut bandiera_slo

La prima prova internazionale non ufficiale con la partecipazione di Italiani e Yugoslavi venne organizzata nel lontano 1975 a Basovizza (Ud) e fu organizzata dai Giudici Ponti (Ita) e Fabiani (Yug) con l'estensione dell'invito anche agli Austriaci. Questi ultimi inviarono un Giudice, i Suonatori di Corno della “Valle del Gail” ma non poterono inviare cani e conduttori, in quanto lo stesso giorno si teneva l'annuale riunione dell'Associazione Specializzata Austriaca.
L'idea era però ormai lanciata.
Due anni dopo infatti, nel 1977 in Austria, si tenne la prima prova internazionale ufficiale denominata “TRIANGOLARE” o all'Austriaca “Kleine Internationale”. I Padri fondatori furono i Sig. Esperti Giudici Internazionali Sig. Hans RADER (Austria), Sig. Joze VESTER (Yugoslavia) e Sig. Fulvio PONTI (Italia). L'anno successivo (78) fu “la prima volta” dell'Italia che vide la partecipazione di Giudici e Conduttori della novella società specializzata di razza appena riconosciuta dall'ENCI (allora ACT).
Alcuni anni dopo, ci fu un fugace ampliamento della prova anche alla rappresentativa della Confederazione Elvetica (Quadrangolare), ma la Svizzera ne uscì dopo poche presenze.
Da allora la prova si è svolta senza soluzione di continuità fino ai giorni nostri.

Svolgimento e regolamento

Si è di fronte ad una prova con una sua precisa fisionomia :

Criteri di selezione

Esperti Giudici: Spetta al Consiglio Nazionale della S.A.C.T. designare i tre Sig. Esperti Giudici da destinare alla manifestazione, da scegliersi fra gli Esperti Giudici Internazionali dell’ENCI preferibilmente Soci del Sodalizio, garantendo, ove possibile una turnazione.
Binomi cane/conduttore: Spetta al Consiglio Nazionale della S.A.C.T. designare i due binomi (più altrettante riserve) da destinare alla manifestazione. I soggetti candidati, trattandosi di prova di classe superiore, devono essersi distinti nell’anno in corso nelle prove Nazionali ENCI su traccia artificiale, unendo costanza ed affidabilità nel rendimento dell’Ausiliare, ad un comportamento corretto ed ineccepibile del Conduttore.

Risultati edizioni recenti



triangolare